Franco BULFARINI

Eccoci di fronte alle opere di un’artista originale e certamente sui generis, non tanto o non solo per il modo tecnico di concepire le opere, ma per la libertà con cui esprime idee e pensieri, per quel fare semplice ed ironico nel proporsi e per quel pizzico di provocatorio che rende interessanti questi lavori. Una proposta vivace, in parte scanzonata, che non si carica di limiti precostituiti, che non insegue la pittura convenzionale ma persegue un percorso di autonomia creativa. Lo scopo è esprimere, con una precisa ed originale tecnica, concetti ed idee che trovano spesso spunto nella realtà del vivere. Il punto fondante dell’Arte Stitica è l’idea che prende corpo e che si sedimenta lentamente nel processo tecnico che la segue. Il risultato, per l’artista, è liberatorio e le sue sedute in studio sono antistress perché conducono all’espressione dell’animo, alla purga delle scorie interiori. Si tratta della messa in campo di un modus operandi di grande interesse, sia per l’efficacia visionaria che esprime, che per la comunicazione in cui si traduce.